solare termico: che cos'è

Gli impianti solari termici sono composti da una serie di pannelli che convertono l’energia solare in calore a basse temperature per il riscaldamento dell’acqua o degli ambienti.
I sistemi proposti sono particolarmente indicati per la produzione di acqua calda per usi igienico-sanitari domestici e per ogni tipo di realtà dove si abbia un consumo di acqua calda e disponibilità di aree idonee per l’installazione dei collettori solari.
Gli impianti solari possono essere anche utilizzati per la produzione combinata di acqua calda per usi igienico-sanitari e per il riscaldamento degli ambienti (per esempio attraverso gli impianti a bassa temperatura sottopavimento).

I collettori solari sono il cuore di un impianto e raccolgono la radiazione solare trasformandola in energia termica per riscaldare un fluido, in genere acqua miscelata a liquido antigelo.

Le principali soluzioni per il solare termico

Schema impianto a circolazione naturaleimpianto solare termico

La configurazione d'impianto più semplice, per la produzione di acqua calda sanitaria, è quella a circolazione naturale o a "termosifone" nella quale un serbatorio di accumulo (dotato al suo interno di scambiatore) viene posto al di sopra del collettore stesso. La circolazione del fluido scaldante è garantita dal moto convettivo naturale: il fluido più caldo e leggero tende a salire mentre il fluido più freddo e pesante tende a scendere.

È una soluzione impiantistica compatta ed economica, adatta per piccoli impianti per la produzione di sola acqua calda sanitaria.

Schema standard di un impianto a circolazione forzataimpianto solare termico

Per impianti di taglia medio - grande e in previsione di un utilizzo anche per il riscaldamento degli ambienti o delle piscine, è da preferire lo schema a circolazione forzata (con pompa di ricircolo del fluido), che permette di svincolare completamente il posizionamento dei collettori dal sistema di accumulo.
Questa soluzione consente, in genere, una migliore integrazione dell'impianto con l'edificio e quindi un effetto estetico più gradevole rispetto ad un sistema a circolazione naturale.
 
    vai alla pagina successiva